- Scorrendo questo blog acconsenti all'uso dei cookie presenti. -

Il titolo di questo blog è ancorato ad un editoriale di Amos Luzzatto pubblicato sulle pagine del quotidiano "La Repubblica" nel giorno di Pasqua del 2001 sotto il titolo "Il valore della Libertà il rispetto della Legge".

4 ottobre 2017

Domande

"Nella vita sono proprio le domande che si vorrebbe non aver mai pensato che, alla fine, bussano alla nostra porta e portano la loro risposta".
Giorgio Boatti
___


27 settembre 2017

Praterie di libertà

"[...] Come avrete capito, ho un’arroganza divina, un’arroganza che spesso non è riconosciuta ma che è propria degli scrittori ed è stata tramandata di generazione in generazione per migliaia di anni. Ho una fiducia in me stesso che cresce come una perla dentro il duro guscio della letteratura. Ho un’immunità protetta dall’armatura di acciaio dei miei libri. Scrivo nella cella di una prigione. Ma non sono in prigione. Sono uno scrittore. Non sono né dove sono né dove non sono. Mi si può imprigionare, ma non tenermi in prigione. Perché, come tutti gli scrittori, possiedo una magia. So attraversare i muri con facilità." -
Ahmet Altan




*la Repubblica, 27.9.2017
v. Ahmet Altan, Scrittore e assassino, edizioni e/o, 2017.
___

19 settembre 2017

Ponti/muri

"[...] e io ho sempre pensato che i ponti è il più bel lavoro che sia: perché si è sicuri che non ne viene del male a nessuno, anzi del bene, perché sui ponti passano le strade e senza le strade saremmo ancora come i selvaggi; insomma perché i ponti sono come l'incontrario delle frontiere e le frontiere è dove nascono le guerre".
 Primo Levi, "La chiave a stella" (1978)
___

8 settembre 2017

L'8 settembre

Per gli italiani l'8 settembre è stato l'inizio del "riscatto" che il 25 aprile 1945 ci ha consegnato la Liberazione, liberazione dalla guerra, liberazione dalle atrocità del nazifascismo, liberazione dalle persecuzioni e dallo sterminio degli ebrei (ricordiamoci che le leggi razziali erano stata varate anche dall'Italia). L'8 settembre è iniziata quell'alleanza inter-generazionale tra gli anziani antifascisti che si erano opposti con determinazione al fascismo (in esilio, al confino, nelle carceri) e i giovanissimi che salivano in montagna per impegnarsi nella Resistenza. Questo dovremmo ricordare pensando all'8 settembre 1943.
___

29 agosto 2017

Viaggiare in pace




"Perché viaggia?
Per trovare coloro che sanno ancora vivere in pace.
"

Ella Maillart


______ 

31 luglio 2017

Tempo presente

"Nostro tempo presente sono le barriere, i muri dentro i quali accatastare vite di viandanti, viaggiatori perfetti perché senza biglietto di ritorno. Nostro tempo è attesa di lasciapassare, a puro spreco di energie compresse, trattenute al macero. Nostro tempo presente è il mare della civiltà mediterranee gonfiato di annegati più di qualunque guerra marinara, più di ogni tempesta. Tempo presente è la paura soffiata intorno al bastoncino dello zucchero filato, la paura vuota verso il forestiero di passaggio, che poggia a terra il suo bagaglio per tirare il fiato."
Erri De Luca
___

14 luglio 2017

Liberazione della parola

"...perché in vent’anni di fascismo uno aveva perduto il senso dei valori più elementari, e bisognava ricominciare da capo, ricominciare a chiamare le cose col loro nome, e scrivere pur di scrivere, per vedere se eravamo ancora delle persone vive." 
Natalia Ginzburg, 1948
___

10 luglio 2017

L'ultima lezione

"Ognuno insegna qualcosa all’altro e chi sceglie di fare l’insegnante non può permettersi il lusso di essere pessimista, perché ogni allievo è una risorsa preziosa".
Luca Serianni

23 giugno 2017

Stefano Rodotà

L'eterno vizio della corruzione
"[...] Nel mondo politico serpeggia il fastidio: non si può eternamente vivere sotto il peso di un passato che non passa. E una magistratura che tenta ancora di scavare nella corruzione viene spesso presentata come un "soggetto politico" che vuole alterare gli equilibri politici. Ma, così ragionando, non ci si è avveduti che non stavano riemergendo soltanto alcuni vecchi attori, ma pure le vecchie abitudini. Che fare? Per ricostruire una moralità pubblica, prima ancora di porre mano a regole più severe, bisogna praticare quotidianamente una sana intransigenza, non difendere ad ogni costo i propri fedeli perché fuori è accampato il nemico, non camuffare i rapporti d' affari intrattenuti dai politici da legittime relazioni professionali o sociali. So che parlare di questione morale disturba. Ma questa è la grande questione politica aperta e irrisolta. Se davvero la politica vuole riprendere il sopravvento, deve rendersi conto che le sue regole devono essere assai più severe di quelle del codice penale."
Stefano Rodotà

*Repubblica, 12.8.1997
___

11 giugno 2017

Scuola riflessiva

Ogni volta che si entra in una scuola elementare per votare si ritrova tutta la ricchezza dell'Istituzione primaria per ogni Comunità. L'edificio meriterebbe un sicuro rinnovamento, gli arredi sono troppo datati ma quella scuola è viva, allegra, seria, popolata da bambini ed insegnanti riflessivi. Questa mattina alle pareti della scalinata erano esposti i lavori degli alunni dedicati alla Carta dei diritti dell'infanzia e salendo gradino dopo gradino verso il tuo seggio comprendevi che quella era la più efficace campagna elettorale che potesse essere fatta: parole essenziali, concetti sobri per presentare principi che determinano una cittadinanza attiva.
___

Copyright

Questo blog non può considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62/2001. Chi desidera riprodurre i testi qui pubblicati dovrà ricordarsi di segnalare la fonte con un link, nel pieno rispetto delle norme sul copyright.